“Ti ho ascoltato e ci ho provato”

Sono felice di essere utile alle persone che mi stanno accanto.

Mi piace quando la persona che ho davanti a me comprende ciò che voglio dire e riflette. Non so nulla in più rispetto agli altri, non so proprio nulla. Non mi credo una persona più intelligente degli altri e nemmeno più furba, anzi devo dire che proprio non lo sono furba. Sento però che da quello che ho vissuto, qualcosa posso averla compresa, e se io sono riuscita a superare qualche piccolo e insignificante ostacolo e so qualche trucchetto in più, perché non condividerlo?

L’altro giorno una cara amica mi ha detto “Ti ho ascoltato e ci ho provato”. Che bello.. Le ho detto di avere coraggio e di vedere la sua situazione da un altro punto di vista, le ho detto che se guardava bene il problema l’aveva già compreso, ma che forse faceva troppo male per affrontarlo di petto. Capisco e comprendo. L’ho vissuto anche io in altri modi. Ma è pazzesco come un desiderio che arriva dal cuore, chiesto in una giornata qualunque, prima o poi arriva davvero. I desideri vengono sempre esauditi prima o poi.

Mi piace cercare di capire le persone. Mi piace proprio trovare il senso per cui una persona è spinta a fare quello che fa. Mi chiedo sempre qual’è la vera ragione per cui ci sono persone così diverse tra loro e tutte le volte che mi immedesimo, trovo un lato della vita che magari non avevo notato e che potrei far mio.

Rubo un po’ da chi mi circonda, e perché no. Trovare sempre il perché, dà anche a me nuovi punti di vista, nuovi spunti per la mia vita. Faccio le mie valutazioni nel segreto del mio cervello e le faccio mie, per me, e se posso essere un sostegno, un piccolo aiuto in una faccenda, ne sono felice.

Mi piace aiutare gli altri nel modo in cui posso, dà una grande soddisfazione.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *