Il mio “nullafare”

Camminavo per la città, da sola, sotto il sole delle prime ore del pomeriggio. Non avevo nulla da fare, passeggiavo e basta. La giornata era così calda, che l’impressione era che tutto fosse giallo. Giallo come il Sole, giallo calore. Non saprei esprimermi meglio. Soffiava una leggera arietta, anch’essa molto calda, ma che almeno muoveva un po’ l’aria, magra consolazione.

Entro nella grande piazza dalla via principale e vengo subito distratta dalla mia concentrazione nel mio “nullafare”, da un signore con una lunga barba che sta dormendo su una panchina. Sotto il sole. “Questo è pazzo” pensai. Dormire a quell’ora su una panchina era come voler cercare di morire.. così mi sedetti accanto un attimo per constatare se era vivo o morto. Almeno se fosse stato morto avrei chiamato qualcuno e se fosse stato vivo avrei tentato di svegliarlo per portarlo all’ombra. Lo fissai per un attimo. Era vivo. Russava anche, quindi era davvero vivo. Ero indecisa sul da farsi. Se lo avessi svegliato avrebbe giustamente anche potuto dirmi di farmi i cavoli miei, ma lasciarlo lì da solo mi dispiaceva. Mi sembrava di far finta di niente, e se avesse avuto bisogno davvero? Decisi che dovevo svegliarlo. Lanciai una piccola pietra contro ad un vaso che era proprio di fianco alla panchina dalla sua parte. Fece un suono molto forte, più forte del previsto, ma funzionò. Il signore si svegliò, neanche poi così di soprassalto come pensavo, e si voltò a guardarmi. “Oh finalmente sei arrivata. Ti aspettavo da un pezzo” mi disse. Io rimasi un po’ interdetta. Si stava per forza sbagliando. “No, non mi sbaglio. Io so bene chi sei e ti stavo aspettando. Sono l’alchimista. Ti stavo aspettando per partire. Dobbiamo partire per un viaggio”

Rimasi un po’ sorpresa.. Io non conoscevo quell’uomo, ma lui conosceva me. E poi di quale viaggio stava parlando? “Dobbiamo partire per il viaggio che tu hai progettato. Sono qui per aiutarti nella tua strada. Devi però venire con me e fidarti di me. Ti porterò dove vuoi” mi disse.

Un viaggio che vorrei fare…. quindi sono pronta per partire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *