Basta camminare e guardarsi attorno.

Mi piace essere in giro, girullare. Ma da sola, sono le prime volte e mi sento un po’ spaesata. Mi sembra di non sapere mai dove andare e cosa fare, mi sembra che tutto il mondo intorno a me sia diverso. Da sola è un’altra cosa che viaggiare assieme a qualcuno. Non l’avevo mai fatto prima e non so bene come si fa. Qualcuno potrebbe dire che basta camminare e guardarsi intorno, ma se mi perdo? A questo ci avete pensato? E se mi perdo e non trovo più la strada del ritorno? E se camminare alla deriva mi portasse in un posto che non conosco? Ci sono già in un posto che non conosco.. Effettivamente è vero. Ci sono già. Dovuque vada io non conosco nulla di quello che mi circonda qui, devo rifare la mia cartina mentale. Devo ristudiare tutte le coordinate e le memorie per farsì che questo posto inizi a diventare famigliare. Famigliare. Che strana parola.

Famigliare inteso come famiglia? Ci avete mai pensato a questa parola? Una cosa diventa famigliare quando si inizia a farla propria, a sentirsi a proprio agio, a vedere quella cosa come una cosa abitudinaria. Chi l’ha detto che la famiglia è qualcosa che si conosce? Non è proprio detto. Dipende dalle circostanze. Io non voglio farla diventare famigliare. La mia famiglia sono dov’è, e non è qui. Quindi farlo diventare famigliare è sbagliato. Devo farla mia, non famigliare. Mia come se fosse una cosa di mia proprietà, così potrà diventare “normale”. Anche sulla parola normale dovremmo riflettere sempre quando la si usa, ma lasciamo perdere.

Che confusione, quando lascio che il mio cervello lavori in autonomia, senza mettere la ragione, senza mettere freno alle mani, escono sempre dei pensieri un po’ confusi. Un miscuglio di ragionamenti che si accavallano uno sull’altro. Il mio “omino” che lavora nel mio cervello a volte fa confusione, apre troppi faldoni tutti assieme, con un sacco di idee e di discorsi semi aperti e fa confusione. Sì, nel mio cervello lavora un omino che si è impegnato a tenere a bada i miei pensieri. O almeno ci prova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *