Ora ti ho capito. Solo ora.

Ho lavato i piatti poco fa e prendendo il detersivo, la bottiglia ha fatto le bolle. Che forti che sono. Ci ho giocato per un po’, è stato divertente.

Non mi piace essere disillusa, sentirmi disillusa. È una sensazione che non mi piace per niente,soprattutto quando riguarda le persone vicine.

Mentre scrivo mi viene in mente un discorso fatto poco tempo fa… Adesso ho capito cosa volevi dire. Capisco solo adesso ciò che mi stavi detto, e hai ragione. Dire le cose e poi non farle. Non è piacevole per l’altro, aggiungo soprattutto se ci si è di mezzo. Ho capito.

Quando si dice che si dà la propria parola,non sempre è solo per una promessa. La parola data è ciò che si dice. Quello che si dice è in generale la parola data, la fiducia si basa anche su questo. Bisogna imparare a dire solo quello che è vero,solo quello che si ha intenzione di fare davvero e riconosco che spesso io non lo faccio. Rifletto spesso su ciò che accade,ma molte volte ho bisogno di un fatto che mi faccia capire chiaramente.

Beh, ora ho capito.

In questo momento ho compreso che sono uguale alle persone che mi hanno fatto sentire disillusa. Sono una che disillude, non solo gli altri,ma soprattutto se stessa.

Le mie parole sono come bolle in effetti, si creano, ma sono spesso fragili e quando le si tocca,scompaiono. Debolezza e insicurezza creano questo strano evento.. Bolle di sapone.

Io creo me

Questo blog non viene letto da nessuno, se non da qualche amico. Non l’ho pubblicizzato da nessuna parte e nemmeno ho intenzione di farlo. Non è aggiornato quotidianamente,ma solo quando mi va.

Questo blog è nato per me,per parlare e scrivere di ciò che mi frulla nella testa. Non serve a nessuno se non a me.

Perché renderlo pubblico? Il fatto di scrivere in un posto dove tutti possono leggere e non solo nel mio lungo foglio word sul mio PC, mi è servito per iniziare a dire a qualcuno ciò che penso. Mi ha dato la possibilità di iniziare ad aprirmi,quasi come una terapia.

All’inizio avevo timore a scrivere qui,pensavo a cosa avrebbero potuto dire le persone che mi circondano e alle conseguenze di ciò che scrivevo,ma man mano invece ho riscoperto la mia me a cui piace un sacco quello che dice qui sopra. Mi dà un motivo per continuare a scrivere.

Il mio miglior modo di comunicare è sempre stato scrivendo su un foglio bianco e ritrovo sempre il piacere di farlo.

Ieri mi hanno detto che sono una persona creativa e a mio modo ovviamente credo di esserlo. Creo storie di me e creò una me quando scrivo.

Sono l’Inventrice di me stessa e desidero continuare a farlo.

Desideri speciali

Trovare la propria strada non è facile,ma quando la si trova credo che sia un’emozione fantastica. Desidero trovare la mia strada, per me e per il mio futuro. Voglio un qualcosa che mi lasci felice e interessata ogni giorno,che mi dia gratificazione e amore. Mi piace tutto ciò che ci riporta al nostro essere,alle cose semplici. Desidero aiutare nel modo in cui posso chi ho intorno. Mi piace sentirmi utile,mi piace aiutare gli altri,gli amici e perché no,anche persone che non conosco. Voglio poter dare il mio contributo al mondo,nel mio piccolo.

Quando troverò la mia strada,il mio futuro non potrà che essere un futuro speciale.

Voglio un futuro speciale per me.  Continua a leggere Desideri speciali

Sotto l’ombra di un castagno

Oggi scrivo da sotto l’ombra di un castagno,un caro castagno.

C’è un leggero venticello che fa muovere le foglie e che rende questo momento molto rilassante. Non ho molte cose da dire e pochi pensieri che girano nella testa. Mi piace quando riesco ad essere così, anche solo per un momento. Nessuna preoccupazione, nessun ronzio di idee pazze nelle testa, ma solo il piacere di sentire questo vento sulla pelle.

Non c’è nessuno con me ora ed il piacere di essere sola capita poche volte, anche se in quest’ultimo anno credo di aver fatto dei grandi passi avanti nel saper stare sola. Mi piace la mia compagnia,mi piacciono i miei pensieri e le mie idee. Ultimamente credo molto di più in me di un tempo, credo di potercela fare perché io sono brava. Ecco me lo voglio proprio dire : io sono brava.

Tutto ciò che sono oggi,me lo sono guadagnato. So di essermi meritata ciò che ho. Ho sempre lavorato duramente e con impegno, nessuno mi ha regalato nulla nella vita e ciò che sono oggi lo devo a me. Sono orgogliosa di essere una ragazza giovane che è riuscita a dimostrare a se stessa e agli altri che,nonostante l’età, è riuscita a diventare quello che sono soprattutto nel lavoro,ma non solo. Non credo che se ne trovano tante come me oggi.

Ho sempre pensato di non essere una persona determinata, beh, se mi guardo indietro oggi posso dire che mi sbagliavo. Quando voglio,so di esserlo.

Come ha detto una cara amica, siamo sempre cresciute nel mantra “chi si loda,si imbroda”, ma riconoscere ciò che si è e ciò che si è fatto,senza la preoccupazione di sentirsi “superbi”,fa molto bene. Ti ricorda ciò che sei in realtà,senza considerare per un attimo l’umiltà che troppo spesso cade nello sminuimento delle nostre capacità e di ciò che siamo.

Io oggi sono una ragazza brava e determinata, sono riuscita ad arrivare dove nemmeno pensavo di arrivare,sia sul lavoro che nella vita personale.

Oggi sono fiera di me.

Idee geniali

Io sogno di essere una persona diversa. Sogno una me diversa da quella di oggi. Nel mio futuro vorrei avere avventura e desiderio. Vorrei realizzare i miei piccoli sogni, senza pretese, solo per me.

Mi piacerebbe inventarmi da zero, come una storia che non si è ancora scritta, come un’idea che non esiste ancora. Scrivere la storia di un’idea geniale, di una vita che si realizza, senza paura. Mi piacerebbe “ridisegnarmi” come una persona nuova. Desidero amore, il mio amore, quel sentimento che si sente solo quando si è realizzati e quando incontri te stesso. Sarebbe bello se mi incontrassi per strada, chissà cosa penserei di me.. piena di idee, ma con poche certezze..

Poche certezze che fanno traballare sempre le mie idee geniali.  Adoro le idee brillanti, sono proprio diverse dalle solite e mi danno veramente un sacco di carica. Peccato poi lo scoraggiamento che ne deriva quando pensi alla possibilità di realizzarle.. beh, nella mia nuova me ci sarà posto per un sacco di idee e si realizzeranno tutte.

Costatando che la storia la scriverò io, le idee che avrò saranno tutte idee geniali.